49° Seminario - STIMOLARE MODELLANDO…

 Registrazioni chiuse
 
23
Categoria
Seminari
Data
7 Novembre 2015 09:00
Luogo
Sala Conferenze - Misericordia di Prato - Prato
Telefono
+39.349.6427631
Email
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Sito internet
File Allegato

Durante il precedente Seminario ci siamo soffermati su alcuni aspetti fondamentali della pratica logopedica: ascolto del bambino, accoglienza delle difficoltà, ricerca di modalità riabilitative adeguate e di sintonie, accoglienza del limite.

Vorremmo continuare il percorso intrapreso riflettendo su un aspetto fondamentale: la necessità di modellare lo stimolo in base alle esigenze del bambino.

Ciascun bambino che chiede il nostro aiuto porta in sé delle potenzialità, accompagnate da limiti che ne ostacolano la manifestazione. È nostro compito affiancarlo offrendogli gli stimoli necessari a superare le difficoltà provocando, favorendo e sostenendo l’espressione linguistica.

Se il lavoro precedente aveva avuto come metafora quella del musicista che accorda un violino, adesso potrebbe esserci di aiuto l’immagine del ceramista che sa di poter trarre un’opera d’arte dal materiale ancora informe con il quale sta lavorando. La sfida è quella di riuscire a dosare la forza impressa sulla materia in modo da portare alla luce la forma desiderata. Per fare questo, più che modellare la materia, il ceramista modella lo stimolo da imprimere…

Gli stimoli che utilizziamo nella nostra pratica riabilitativa sono quelli previsti dai Quattro Programmi del Metodo creativo, stimolativo, riabilitativo della comunicazione orale e scritta con le strutture musicali, creato dalla Dr. Sci. Zora Drežančić per aiutare lo sviluppo linguistico dei bambini non udenti.

Gli stessi stimoli possono essere applicati nel lavoro con bambini che presentano difficoltà di linguaggio dovute ad altre cause. Quale vantaggio può trarre da questa stimolazione un bambino disprassico? Come può essere utile ad un bambino dislessico? Quale aiuto ne può trarre un bambino autistico? E un bambino con difficoltà a livello fonetico e fonologico?

In tutti i casi come offrire gli stimoli previsti dalla Pedagogia tenendo conto delle necessità di ciascun bambino? Perché e come modellare lo stimolo?

 
Il servizio Maps non è disponibile.
 

Altre date

  • 7 Novembre 2015 09:00

Powered by iCagenda

Logo GPLSAssociazione GPLS - Gioco Parlo Leggo Scrivo Onlus 
Via Tagliamento, 142
59100 Prato (PO)
Tel. +39.0574.468986
C.F. 92043290482

Questo sito utilizza cookie tecnici e «di terze parti» necessari per il funzionamento e la navigazione dello stesso. Inoltre questo sito raccoglie dati statistici sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate e a norma di legge.

Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione su altre pagine, acconsenti all'uso dei cookie.